Concerto dell’Ensemble degli Intrigati delle Camere Contemporanee di Montepulciano alla Galleria Bruschi

EVENTO CONCLUSO
   Galleria Ivan Bruschi

Progr. Concertibruschi_08_b

Giovedì 14 settembre, alle 21.15, la Galleria Ivan Bruschi ospiterà un nuovo evento dedicato alla musica classica, realizzato dalla Fondazione Ivan Bruschi in collaborazione con il Maestro Roberto Pasquini, Direttore della Stagione Concertistica Internazionale, in occasione del finissage dell’esposizione Bill Viola – Tristan’s Ascension. Protagonisti della serata L’Ensemble degli Intrigati, una formazione nata nell’ambito della residenza artistica Camere Contemporanee in corso a Montepulciano da giugno a dicembre 2017, nata con l’intento di valorizzare giovani musicisti under 35 grazie al sostegno della SIAE.

 L’Ensemble degli Intrigati è formata da Giuditta Di Gioia, flauto, Francesco Darmanin, clarinetto, Dagmar Bathmann, violoncello, Omar Cecchi, percussioni, Massimiliano Cuseri, pianoforte e Davide Vannuccini, live electronics. L’Ensemble è coordinato da didatti di livello, tra i quali Marco Angius, Roland Böer, Detlev Glanert e Luciano Garosi.

Location d’eccezione per questo evento, la Sala Grande della Galleria Ivan Bruschi in Piazza San Francesco che ospiterà il concerto che coglie le diverse declinazioni del repertorio contemporaneo. In apertura un brano appositamente commissionato al giovane compositore Matteo Belli, intitolato “Lei, Piangente”; saranno inoltre interpretate alcune pagine tra le più innovative del repertorio d’avanguardia: “Charisma” di Iannis Xenakis, “Ko-Lho” e Riti”, “I funerali di Carlo Magno di Giacinto Scelsi, “Melencholia I” di Salvatore Sciarrino e “Dedica” di Aldo Clementi.

La serata sarà anche una delle ultime occasioni per vedere la mostra Bill Viola – Tristan’s Ascension, l’esposizione che crea suggestive analogie con gli affreschi del ciclo della Leggenda della Vera Croce di Piero della Francesca della vicina Basilica di San Francesco. Tristan’s Ascension è senza dubbio una delle installazioni più suggestive dell’artista Bill Viola: una profonda meditazione visiva sul tema di amore e morte, luce e tenebre, simboli molteplici che scavano in profondità entro l’umana esperienza e in particolare sul dualismo tra corpo e anima.

L’esposizione Bill Viola – Tristan’s Ascension resterà visibile al pubblico fino a domenica 17 settembre.

Si consiglia la prenotazione.

Ingresso 10 euro. Ridotto a 6 euro per minori di 18 anni.

Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato su tutte le iniziative della Fondazione.